Prima delle neve. Racconti e immagini tratti dal film “La prima neve”

Prima_nevePadova, Galleria Sottopasso della Stua
23 ottobre – 9 novembre 2013

Inaugurazione: 23 ottobre ore 19.30

In occasione dell’uscita del film “La prima neve” di Andrea Segre, il giorno mercoledì 23 ottobre 2013 alle ore 19.30 presso il Sottopasso della Stua in Largo Europa a Padova, verrà presentato il libro “Prima della neve”, una pubblicazione speciale Montura Editing contenente le fotografie di scena e di backstage di Simone Falso oltre a un diario di Andrea Segre sulla preparazione del film.

Per l’occasione verrà anche inaugurata la mostra personale dell’artista Padovano di foto di scena del film, dove vengono esposte alcune delle più belle immagini pubblicate nel libro.
Il lungometraggio La prima neve viene raccontato attraverso la forza e la disponibilità di coloro che l’hanno creato e di coloro che l’hanno sostenuto, probabilmente riconoscendosi in un nuovo e ambizioso modus operandi.

LA PRIMA NEVE di Andrea Segre
Italia, 104′
v.o. italiano, francese, togolese, dialetto mocheno – s/t inglese, italiano
Jean Christophe Folly, Matteo Marchel, Anita Caprioli, Peter Mitterrutzner, Giuseppe Battiston, Paolo Pierobon

La prima neve è quella che tutti in valle aspettano. È quella che trasforma i colori, le forme, i contorni.
Dani però non ha mai visto la neve. Dani è nato in Togo, ed è arrivato in Italia in fuga dalla guerra in Libia. È ospite di una casa di accoglienza a Pergine, paesino nelle montagne del Trentino, ai piedi della valle dei Mocheni. Ha una figlia di un anno, di cui però non riesce a occuparsi. C’è qualcosa che lo blocca. Un dolore profondo.
Dani viene invitato a lavorare nel laboratorio di Pietro, un vecchio falegname e apicoltore della valle, che vive in un maso di montagna insieme alla nuora Elisa e al nipote Michele, un ragazzino di 10 anni la cui irrequietezza colpisce subito Dani.

Il padre di Michele è morto da poco, lasciando un grande vuoto nella vita del ragazzino, che vive con conflitto e tensione il rapporto con la madre e cerca invece supporto e amicizia nello zio Fabio.
La neve prima o poi arriverà e non rimane molto tempo per riparare le arnie e raccogliere la legna. Un tempo breve e necessario, che permette a dolori e silenzi di diventare occasioni per capire e conoscere. Un tempo per lasciare che le foglie, gli alberi e i boschi si preparino a cambiare. In quel tempo e in quei boschi, prima della neve, Dani e Michele potranno imparare ad ascoltarsi.

Informazioni
Ingresso libero
orario: 15.30-18.30, domenica chiuso
Settore Attività Culturali – Servizio mostre
049/8204547-4528

 

I commenti sono chiusi.