Libri e senso del presente: incontriamo gli autori

13, 20, 27 novembre – 11 dicembre 2012 ore 17.30
Galleria Cavour – piazza Cavour

Parlare di libri e parlare con gli autori di libri è un modo per cercare un senso e capire il nostro essere nel mondo. I libri, e gli autori con cui parleremo, sono legati da un filo sottile: il diritto e i diritti umani colti in una visione globale; l’incontro con l’“altro” secondo l’antica prospettiva del viaggio individuale attraverso le strade del mondo; la nostra storia e il nostro presente politico; la nostalgia di un’Europa che non c’è più attraverso la rilettura di un epistolario molto privato, quello tra Károly Kerényi e Angelo Brelich.

Coordinamento di Paolo Scarpi.

13 novembre ore 17.30Umberto Vincenti
presenta Paolo Scarpi
Umberto VincentiLa repubblica virtuosa, Bruno Mondadori Milano, 2011; Prima il dovere. Una ragionevole critica dei diritti umani, Collana Abbrivi, Jovene Editore, Napoli, 2011; Umberto Vincenti (a cura di),
John Witte Jr., Diritti umani e protestantesimo, Collana Abbrivi, Jovene Editore, Napoli, 2011

20 novembre ore 17.30Pierpaolo Faggi
presenta Paolo Scarpi
Pierpaolo Faggi, Otuz gün. Racconti di strada, CLEUP, Padova, 2009;Onderoddeghèn. Ancora racconti di strada, CLEUP, Padova, 2009; E oltre i duemila? camminando Georgia, CLEUP, Padova, 2010; … eccetto il viola. goinsàut – goinbèc, CLEUP, Padova, 2010; Racconto di strada. A piedi dal
Caucaso al Mar Nero. tuseisamsingovdedog
, CLEUP, Padova, 2011.

Lanaro-Retorica e politica

27 novembre ore 17.30
presenta Carlotta Sorba
Silvio Lanaro, Retorica e politica. Alle origini dell’Italia contemporanea, Roma, Donzelli, 2011

11 dicembre ore 17.30tra-gli-asfodeli-dell-elisio-carteggio
presenta Paolo Scarpi
K. Kerényi, A. Brelich, Tra gli asfodeli dell’Elisio. Carteggio 1935 – 1959, a cura di A. Alessandri, prefazione di M. Massenzio, Editori Riuniti, Roma, 2011

Info
Ingresso libero
Servizio Mostre – Settore Attività Culturali 
tel. 049 8204529
infocultura@comune.padova.it
donolatol@comune.padova.it

I commenti sono chiusi.