Il berretto a sonagli

19 marzo 2010, ore 21.15il berretto a sonagli
Piccolo Teatro Don Bosco, via Asolo

Compagnia Benvenuto Cellini (Padova)
presenta
IL BERRETTO A SONAGLI di L. Pirandello
Regia: Giuliano Polato

Quarto appuntamento dell’edizione 2010 di “Una poltrona per due”, fortunata rassegna teatrale giunta ormai alla decima edizione.

Or sono circa duemilacinquecento anni il grande filosofo greco Eraclito, quello del “panta rei” (del “tutto scorre”, per intenderci), scriveva che “la guerra è madre di tutte le cose e di tutte le cose è regina”: ciò che si oppone “genera profonda armonia”, una “armonia per opposte tensioni, come nell’arco o nella lira”. 
Diceva cioè, che i contrari sono l’uno complementare all’altro, strettamente legati l’uno all’altro dalla loro stessa opposizione in un continuo transito dall’uno all’altro: è da questo passaggio che nasce il divenire, ciò che, ridotto a termini più essenziali e comprensibili, chiamiamo vita. E questo divenire non è mai fermo, è sempre cangiante, pur essendo sempre la stessa cosa, come il fuoco, elemento di riferimento del filosofo greco.

La vicenda è nota: istigata dalla Saracena, Beatrice, moglie tradita e delusa, cerca la sua vendetta contro il marito e la sua amante, a spese del coniuge di quest’ultima, lo scrivano impiegato del marito, Ciampa, nonostante i tentativi di dissuaderla da ciò del fratello Fifì e dell’amico delegato di P.S. Spanò e gli avvertimenti neppur tanto velati dello stesso Campa, Beatrice va sino in fondo, decisa a ottenere la sua personale vendetta, senza curarsi di ciò che questo rappresenta per la propria famiglia (la madre e il fratello) e per il povero scrivano. Ma… c’è un ma. Anzi, ce n’è più di uno. Non si vive soli a questo mondo: volenti o no siamo fibre di un ben preciso tessuto umano fatto di rapporti, relazioni, convenzioni, consuetudini. Ciò che crediamo far per noi stessi non può non aver riflesso su altri. La fisica dice che ad ogni azione corrisponde sempre una reazione uguale e contraria. E la vendetta di Beatrice si ritorcerà su di lei, non più vincitrice ma vittima: nient’altro che il divenire di cui prima si diceva.

Info

Per tutte le informazioni sulla Rassegna si rinvia a: Rassegna teatrale “Una Poltrona per due”-X edizione.

I commenti sono chiusi.